Facoltà di Architettura

Il deign italiano: antologia 20.00.11

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.author Paris, Tonino
dc.contributor.author Cristallo, Vincenzo
dc.contributor.author Lucibello, Sabrina
dc.date.accessioned 2013-10-03T11:32:19Z
dc.date.available 2013-10-03T11:32:19Z
dc.date.issued 2011
dc.identifier.isbn 978-88-89819-28-9
dc.identifier.uri http://research.arc.uniroma1.it:80/xmlui/handle/123456789/700
dc.description.abstract There are a number of reasons behind this research into Italian design. ¶ The first lies in the decision to portray the field using an anthological approach based around topics: communication, creativity, icons, manufacturing ingenuity, innovation, museums and knowledge, territories and values, visions and utopias, and designers and companies. This narrative device makes it possible to consider pictures, words, products and people which are organized by subject area, like goods from repositories. These enduring values can be found in projects and products, and they are also connected to the past by a shared intellectual manifesto which can be summed up by the expression “innovation for culture”. It rather gives the idea of a programme and it is probably the closest that the di≠erent generations come to an idea of symbolic continuity. While they have contrasting standpoints, they give consistency to the work of masters, artists, young designers, anonymous designers and companies as they a∞rm the identity of the original material culture handed down to us by history and tradition. ¶ It was only logical for this “formula” to become the title of a collection of books, beginning with this anthology. Likewise, it was only logical for this all-embracing exploration to be conducted by the scientific design young community. ¶ It is clear that this exploration of Italian design whose most distinctive characteristic is the joint metamorphosis revolving around principles of quantity and quality. The resulting multicentric model has the visionary capacity to contemplate the present and assess future scenarios, meaning that it can serve as a tangible factor in the development of Italy as a whole. Diverse le ragioni che sostengono questo lavoro di ricerca sul design italiano. ¶ La prima di queste risiede nella scelta di raccontarlo attraverso una regola antologica organizzata per temi: comunicazione, creatività, icone, ingegno del fare, innovazione, musei e conoscenza, territori e valori, visioni e utopie, designer e imprenditore. Un espediente narrativo questo, che ha reso possibile considerare immagini, parole, prodotti e persone organizzati per tesi, come una sorta di prodotto estrattivo. ¶ Per rendere intellegibile questa fenomenologia, dieci anni sono sembrati emblematici per ra∞gurarne l’ampiezza dei valori. Valori non transitori e connessi ad un passato per mezzo di un comune manifesto intellettuale riassumibile nell’espressione “innovazione per cultura”, che suona piuttosto come un programma, il più aderente probabilmente ad un’idea di continuità simbolica tra generazioni diverse che rendono coerente il lavoro di maestri, artisti, giovani designer, designer anonimi e imprese nel comprovare l’identità di quella originale cultura materiale che la storia e la tradizione ci attribuiscono. ¶ Non a caso questa “formula” è diventata il titolo di una collana editoriale che questo primo volume, come una antologia, inaugura. Non a caso quest’attività di esplorazione diagonale è stata condotta dalla comunità scientifica del design – in particolare da quella composta da giovani docenti e ricercatori – ovvero da quanti concorrono con la propria personale attività di docenza e ricerca ad indagare costantemente la multiforme realtà del design italiano di un sistema design coinvolto nelle trasformazioni sociali, economiche e produttive che attraversano il nuovo millennio. ¶ Quest’attività di scouting del design italiano mette in scena la dilatazione culturale e professionale contrassegnata soprattutto dalla metamorfosi combinata tra principi di quantità e qualità, da cui deriva il racconto di un modello policentrico che ha tuttavia una capacità visionaria di misurarsi con il presente e con gli scenari futuri, e per questo essere un concreto fattore di sviluppo per l’Italia nel suo insieme. en_US
dc.description.sponsorship Fondazione Valore Italia en_US
dc.language.iso en en_US
dc.publisher Rdesignpress en_US
dc.subject design italiano, innovazione pe rcultura en_US
dc.title Il deign italiano: antologia 20.00.11 en_US
dc.title.alternative comunicare il design innovazione per cultura (collana) en_US
dc.type Book en_US


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record

Search DSpace


Advanced Search

Browse

My Account