Facoltà di Architettura

“Sed si qui de ordine huius libri disputare voluerit...”

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.author Valenti, Graziano Mario
dc.date.accessioned 2012-11-19T17:44:00Z
dc.date.available 2012-11-19T17:44:00Z
dc.date.issued 2012-11-19
dc.identifier.isbn 978-88-908073-0-5
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/123456789/577
dc.description.abstract La ricerca di procedure codificate - di algoritmi - che descrivano il processo compositivo per la modellazione degli ordini classici è mossa dalla necessità di trovare un metodo generale per il loro rilievo e la loro rappresentazione. Il presupposto fondamentale, che spinge la ricerca in questa direzione, è l’avere avvertito la presenza di operazioni predeterminate tanto nei movimenti della mano dell’architetto che progetta l’ordine disegnandolo sulla carta, quanto in quella dello scalpellino che lo modella sulla pietra. L’Architetto agisce sulla base dei canoni definiti nei trattati classici dell’architettura, spaziando creativamente ove consentito; lo scalpellino, avvalendosi della propria esperienza e capacità artigianale, modella la pietra riproducendo in essa le indicazioni progettuali dell’architetto. In queste pagine verrà esaminato il primo processo - le procedure di definizione degli ordini classici - esaminando le indicazioni contenute nel più antico trattato di architettura pervenuto ai nostri giorni: il De Architectura di Lucius Marco Vitruvius Pollione. La lettura del trattato è stata, in questo caso, finalizzata alla comprensione della organizzazione del pensiero Vitruviano prima e durante la composizione dell’opera. La domanda a cui si vuole trovare risposta è se Vitruvio abbia strutturato l’intero trattato o parti di esso con metodologia scientifica e se le informazioni fornite rispettino il rigore necessario alla completezza della illustrazione. In particolar modo lo studio ha riflettuto sulle indicazioni fornite riguardo la procedura di proporzionamento degli ordini classici nella realizzazione degli edifici sacri illustrata nei libri III e IV dell’opera Vitruviana. en_US
dc.language.iso it en_US
dc.subject ordine classico en_US
dc.subject ionico en_US
dc.subject corinzio en_US
dc.subject tuscanico en_US
dc.subject dorico en_US
dc.subject Vitruvio en_US
dc.title “Sed si qui de ordine huius libri disputare voluerit...” en_US
dc.type Article en_US


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record

Search DSpace


Advanced Search

Browse

My Account