Facoltà di Architettura

Il Design della Trovata

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.author Martino, Carlo
dc.date.accessioned 2012-05-23T17:34:48Z
dc.date.available 2012-05-23T17:34:48Z
dc.date.issued 2010
dc.identifier.issn 1594-8528
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/123456789/481
dc.description.abstract Perché il termine “trovata” associato al design! Perché così come la parola “design” si è oggi trasformata in un vocabolo di massa, spesso abusato, o usato impropriamente, si prende a prestito un termine quasi gergale, per esprimere un giudizio sul modo di concepire il design oggi, da parte di giovani progettisti ma anche di professionisti più maturi. Tra i numerosi dizionari on-line consultati, alla parola “trovata” è attribuito con grande frequenza il significato di “espediente”, e cioè di un rimedio per risolvere qualcosa, per “uscire da una situazione”. Allo stesso termine sono attribuiti anche quelli di “idea improvvisa” e di “idea buona, nuova e originale”. Alcuni di questi significati, se riferiti al design, assumono un valore critico e negativo, altri risultano certamente più positivi e incoraggianti. Indubbiamente l’idea di un prodotto che può essere visto come espediente, quindi come rimedio, alternativo a una soluzione più profonda, duratura e soprattutto frutto di una seria ricerca progettuale, assume un’accezione negativa, così come accade in riferimento alla provvisorietà che emerge da un’interpretazione del prodotto frutto di “un’idea improvvisa”. Al contrario, si associa alla stessa parola: “trovata”, la validità e l’originalità di un’idea, e quindi di ciò che un prodotto esprime come esito di un processo istantaneo, frutto della genialità o di una divina illuminazione. EN. Why have I associated the term ‘brainwave’ with design? Because in the same way as today the word ‘design’ has become a word of the masses, often abused or used improperly, I have borrowed a term that is almost slang to express my opinion on how design is viewed today, by both young designers and more mature professionals. Amongst the numerous online dictionaries I consulted, the word ‘brainwave’ is frequently given the meaning of ‘expedient’, i.e. a remedy for solving something, for ‘getting out of a situation’. The same term also has the meaning of ‘a sudden idea’ and ‘a great, new, original idea’. Some of these meanings, when referred to design, take on a critical and negative value, while others are certainly more positive and encouraging. Undoubtedly the idea of a product that can be seen as an expedient - therefore as a remedy instead of a deeper, longer lasting solution that is, above all, the result of on-going research into design - takes on a negative connotation, like the temporariness that emerges from an interpretation of a product as being the result of ‘a sudden idea’. On the contrary, the same word ‘brainwave’ is associated with the validity and originality of an idea, and thus with what a product expresses as the result of an instantaneous process, the fruit of genius or of divine illumination. en_US
dc.language.iso en en_US
dc.publisher Rdesignpress, Roma en_US
dc.relation.ispartofseries 46-47;
dc.subject Design della Trovata, Soluzioni facili, I Barbari, en_US
dc.title Il Design della Trovata en_US
dc.title.alternative Brainware Design en_US
dc.type Article en_US


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record

Search DSpace


Advanced Search

Browse

My Account