Facoltà di Architettura

Gli arredi liturgici controriformati, fra reimpiego, ricomposizione e ricostituzione

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.author Turco, Maria Grazia
dc.date.accessioned 2012-02-20T17:18:25Z
dc.date.available 2012-02-20T17:18:25Z
dc.date.issued 2008
dc.identifier.isbn 978-2-7283-0856-9
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/123456789/385
dc.description in Il reimpiego in architettura. Recupero, trasformazione, uso, Collection de l’École Française de Rome - 418, École Française de Rome, “Sapienza” Università di Roma, Dipartimento di Storia dell’Architettura, Restauro e Conservazione dei Beni architettonici, a cura di J.-F. Bernard, P. Bernardi, D. Esposito, pp. 647-659 en_US
dc.description.abstract Alcuni significativi interventi, condotti nella seconda metà del XVI secolo, che, oltre a interessare l’area presbiteriale di edifici per il culto, hanno avuto come oggetto il ri-uso di elementi architettonici e decorativi e la ricomposizione, attraverso frammenti e spolia, di pulpiti e amboni così come richiesto dalla liturgia riformata. Operazioni, queste, particolarmente indicative oltre che per le loro specifiche connotazioni legate alla disciplina della teologia e della liturgia, anche per la propensione a mutuare tipologie, iconografie e simboli del mondo tardo antico e paleocristiano, secondo tendenze ispirate dalla cultura post-tridentina. Si esaminano tre casi indicativi: la chiesa di S. Maria in Ara Coeli sul Campidoglio, con il ‘riposizionamento’ di numerosi frammenti recuperati dal recinto e dall’ambone medievali, e gli interventi promossi dal cardinale Cesare Baronio nelle chiese dei Ss. Nereo e Achilleo e di S. Cesareo de Appia (Some important interventions, in the second half of the sixteenth century, which not only affect the presbytery area of churches, had as its object the re-use of architectural and decorative elements and the recomposition, through fragments and spolia of pulpits and liturgical furnishings, as required by the reformed liturgy. Operations, this is particularly indicative not only for their specific connotations related to the discipline of theology and liturgy, according to trends inspired by the culture of post-Tridentine. We examine three cases: the church of S. Maria in Ara Coeli on the Capitol, with the 'repositioning' of several fragments recovered from the medieval enclosure and ambo, and actions by Cardinal Baronius in the churches of Saints Nereus and Achilleus and St. Cesareo de Appia). en_US
dc.description.sponsorship École Française de Rome; “Sapienza” Università di Roma, Dipartimento di Storia dell’Architettura, Restauro e Conservazione dei Beni architettonici en_US
dc.language.iso it en_US
dc.publisher Roma: École Française de Rome en_US
dc.subject Architettura (Architecture), Storia dell'architettura (Architectural History), Teorie architettoniche (Architectural Theory), Storia del restauro (history of restoration), Cesare Baronio, Contro-riforma (Counter-Reformation), Architettura del XVI secolo (sixteenth century Architecture), en_US
dc.title Gli arredi liturgici controriformati, fra reimpiego, ricomposizione e ricostituzione en_US
dc.title.alternative The Counter-Reformation liturgical furnishings, between reuse, recovery and reconstruction en_US
dc.type Article en_US


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record

Search DSpace


Advanced Search

Browse

My Account